11

Sostegno psicologico a familiari di malati gravi

Gennaio 2016 ha visto nascere un progetto fortemente voluto dal coordinamento ADRA Italia di Jesi (AN). L’idea si propone di costituire gruppi di persone che si confrontano con la malattia grave di un familiare, al fine di fornire loro un supporto psicologico che li aiuti a gestire le loro emozioni e i loro vissuti e migliori la qualità della relazione con i malati stessi.

La Dottoressa Francesca Romeo, Psicoterapeuta che segue il gruppo, specializzata in E.M.D.R. (metodo psicoterapico strutturato che facilita il trattamento di psicopatologie e problemi legati ad eventi traumatici), spiega: “Le persone che partecipano hanno bisogno di condividere i carichi pesanti che si portano sulle spalle, di esternare la rabbia, il dolore. Vivono dietro le quinte ma stanno in trincea, si annullano perché dedicano la loro vita al parente malato, allo stesso tempo però rischiano di perdere la loro identità.”

Attualmente il gruppo è formato da 4 donne tra i 40 e i 50 anni. Si ritrovano una volta ogni 15 giorni in una sala messa gratuitamente a disposizione nella sede dello I.O.M. (Istituto Oncologico Marchigiano) grazie all’invito dell’Assessore Dott.ssa Campanelli, amica e sostenitrice di ADRA Italia.

“Sono tanti i sassolini che escono dalle scarpe dei partecipanti”, continua la Dottoressa Romeo, “c’è un forte bisogno di condivisione e di empatia, spesso i familiari di malati gravi non si sentono capiti da chi gli sta attorno e si ritrovano invece nelle storie e nelle emozioni di chi sta vivendo un’esperienza simile.”

La partecipazione al gruppo è del tutto gratuita, inoltre è stato aperto un gruppo su WhatsApp che permette ai partecipanti e alla Psicoterapeuta di restare in contatto nei 15 giorni che separano gli incontri.

L’obiettivo di questo progetto è dare un sostegno psicologico professionale e un luogo di scambio a persone che tutti i giorni affrontano coraggiosamente la malattia di un membro della loro famiglia.

“Non siamo mai così indifesi verso la sofferenza, come nel momento in cui amiamo.”
Sigmund Freud

 

Sono ancora disponibili dei posti: se sei interessato contattaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi