Unknown 12

Esperienze dalla raccolta alimentare a Jesi

Il primo obiettivo per la raccolta alimentare è raccogliere cibo, che poi la nostra sede ADRA di Jesi distribuisce ai bisognosi, ma ogni volta diventa anche un evento importante e che serve per conoscere tante persone.

Cosa ne pensiamo noi ragazzi scout?

Personalmente quando c’è una raccolta mi diverto tanto e dopo l’esperienza di tanti anni, non mi vergogno nemmeno più e chiedo.

Un po’ di imbarazzo all’inizio c’è sempre, ma quando inizi a ricevere i sacchettini e guardi il contenuto per poi sistemarlo negli scatoloni e successivamente quando vedi quel “contenuto” nelle mani delle persone povere, beh… diventa tutto più semplice e inizi a sentirti parte di un gesto  bellissimo perché è anche attraverso me che si compie.

Consiglio anche alle persone più timide di provare questa esperienza e non vergognarsi pensando allo scopo per cui lo si fa.

Al supermercato Coop di Jesi presso il quale solitamente facciamo raccolte sono sempre molto disponibili: ci chiedono se abbiamo bisogno di qualcosa, raccolgono gli scatoloni di cui abbiamo bisogno con anticipo, ci fanno trovare un ufficio disponibile per lavorare in tranquillità  e fare gli scatoloni e c’è un gruppo di volontari “AUSILIO” che ci aiutano a chiedere e raccogliere vivere. Sono quasi tutti dei nonni e ci aspettano ogni volta felici di collaborare con noi.

Inventano anche delle raccolte straordinarie, come l’ultima del 06 maggio scorso. C’è anche il responsabile del Supermercato, Luigi, che è tanto affezionato a noi e porta anche la sua nipotina quando ci siamo noi.

La Raccolta Alimentare è una grande dimostrazione dei valori che abbiamo: sia la persona che chiede, quella che compra, la gente che aiuta o chi prepara affinchè tutto vada bene, stanno facendo qualcosa per aiutare un altro che ha più bisogno, mettendosi così al secondo posto.

In generale la gente che acquista e dona è buona con noi ragazzini. A volte non sono sempre molto gentili, qualcuno nemmeno ti guarda o fugge via di fretta e magari noi ci arrabbiamo un po’, ma la maggioranza ci sorride e chiede, altre volte trovi qualcuno che torna persino indietro o magari in un attimo di grande afflusso ti chiede “e a me…perché a me non hai dato il foglio con la lista viveri e la busta…?”

Io non mollo. Noi ragazzi non molliamo. Voglio e amiamo continuare a fare raccolte; c’è gente che vuole sentirsi utile nell’aiutare qualcuno e hanno ragione perché anche io voglio sentirmi utile.

Collaborare, continuare  per poi aiutare sempre di più.

Volontario è quella persona che riempie le buste vuote con la gioia di ciò che fa.

Gioia Gobbi

 

This Post Has 2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi