skip to Main Content
Chi è Un Rifugiato?

Chi è un rifugiato?

Ogni anno, ADRA celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato il 20 giugno, così come il Sabato del Rifugiato Mondiale della Chiesa Avventista del Settimo Giorno, che cade il sabato prima della Giornata Mondiale del Rifugiato. Vogliamo che tu possa considerare queste giornate e quindi ecco un po’ di informazioni sul perché questo argomento è così importante!

In breve

Un rifugiato è una persona che è stata costretta a lasciare il proprio paese a causa di persecuzioni, guerre o violenze. Attualmente ci sono 26 milioni di rifugiati nel mondo.
Se qualcuno è sfollato forzatamente, ma rimane all’interno del proprio paese, viene chiamato sfollato interno, o IDP. 45,7 milioni di persone nel mondo sono IDP in questo momento.
Un richiedente asilo è qualcuno che sta cercando protezione internazionale ma il cui status di rifugiato non è ancora stato determinato. Ci sono 4,2 milioni di persone che attualmente cercano asilo a livello globale.
In totale, ci sono oltre 80 milioni di persone sfollate dalle loro case, il livello più alto mai registrato.

Chi sono i rifugiati?

Probabilmente hai visto notizie sui rifugiati dalla Siria e da altri paesi dove le comunità sono diventate troppo insicure a causa della violenza regolare. Mentre questi sono esempi evidenti di come le famiglie finiscono per diventare rifugiati, ci sono anche molte ragioni meno visibili.

L’impatto del COVID-19 per molti in tutto il mondo è un esempio recente e devastante. Si stima che lo sconvolgimento della pandemia e la perdita di reddito che ne consegue stiano spingendo ben 115 milioni di nuove persone in condizioni di estrema povertà!

Allo stesso modo, il cambiamento climatico costringe innumerevoli individui vulnerabili ad abbandonare le loro case perché i rischi ecologici continuano a rendere troppo pericoloso rimanere dove sono.

E mentre molti presumono che i paesi ricchi ospitino la maggior parte dei rifugiati, il fatto è che l‘86% dei rifugiati sono ospitati nei paesi in via di sviluppo.

Gli effetti

Come si può immaginare, essere costretti a lasciare la comunità che si conosce e la vita che si ama può avere un grande impatto su coloro che sono sfollati. Immaginatevi di fuggire con nient’altro che quello che potete portarvi dietro e di non sapere cosa vi riserverà il futuro.

I rifugiati sono spesso ad alto rischio di malattia a causa delle condizioni di vita. Non tutti i rifugiati vivono nei campi profughi; alcuni sono ospitati nelle comunità locali o ricevono altre sistemazioni. Ma coloro che si affidano a strutture condivise o a sistemazioni comuni spesso hanno un accesso limitato all’acqua, ai sistemi igienici o alle strutture sanitarie, rendendo ancora più facile la diffusione delle malattie.

Circa la metà di tutti i rifugiati sono bambini sotto i 18 anni, e sono loro a soffrire di più per lo sfollamento. Questi bambini sono più a rischio di violenza, malattie e problemi di salute mentale a lungo termine. I bambini rifugiati hanno anche cinque volte più probabilità di essere fuori dalla scuola rispetto ai loro coetanei, con quasi 4 milioni di bambini che non hanno potuto usufruire della loro istruzione!

Cosa puoi fare?

Anche se l’argomento dei rifugiati e de gli altri sfollati può essere un argomento pesante, è importante mantenere viva la conversazione. Rimanere informato, aumentare la consapevolezza e se vuoi puoi sostenere i progetti di ADRA.

Share This
Back To Top